Sea Sports escursioni e noleggio nautico

Tropea – Capo Vaticano – Costa degli Dei

6 cose da fare a Tropea e Capo Vaticano

Grazie alla sua incantevole posizione sul mare, alle bellezze paesaggistiche, al vasto patrimonio storico, culturale ricco di tradizioni, Tropea è una delle località turistiche più famose d’Italia.

Il suo territorio, luogo di grande fascino e bellezza da molti anni ormai attrae viaggiatori provenienti da ogni parte del mondo affascinati da questi luoghi ricchi di mistero e leggende che ancora oggi echeggiano tra un borgo e l’altro e fra una insenatura e l’altra. Un tratto di costa, quella della Costa degli Dei, magica, incontaminata, ricca di profumi, di colori, di sapori che si affaccia su di un mare meraviglioso, dalle acque cristalline, ricche di flora e fauna marina.

Panorami mozzafiato, un’eccellente gastronomia, spiagge meravigliose fanno da cornice ad una vacanza che certamente vi resterà nel cuore e difficilmente potrete dimenticare. Chi è già stato a visitare questi luoghi sa che è vero, chi ancora deve venire legga le 10 cose da fare e da vedere, apra la sua mente all’immaginazione e si faccia trasportare dall’emozione……………………

1) ESCURSIONE IN BARCA LUNGO COSTA Per visitare questa costa meravigliosa è d’obbligo una escursione guidata in barca che preveda soste per lo snorkeling e soste per fare il bagno. Il tratto di costa tra Capo Vaticano e Tropea denominato “Costa degli Dei” è raggiungibile solo in barca. Ricco di numerose sono le insenature con piccole baie dalla sabbia bianchissima e dalle acque cristalline animate dalla presenza di numerosi pesci, stelle marine e polpi che di questi luoghi ne hanno fatto il loro habitat ideale.

Le tappe più importanti dell’escursione sono: Il promontorio di Capo Vaticano, scogliera granitica sui quali pendii cresce la rara Palma Nana e la magnifica spiaggia di Praja j Focu. Forum Erculis con i resti dell’antico Porto Romano, dove facendo un bagno con la maschera ammireremo le distese praterie di Posidonia e la flora e la fauna che ha colonizzato i resti delle antiche mura sommerse.

La Grotta dello Scheletro, un volta all’interno vivremo la magia del suo colore. La baia degli Scalpellini, dove gli antichi scalpellini di Tropea cavavano le pietre da macina ed ancora oggi è facile individuare i punti in cui sono state scalpellate. L’Isola bella di Tropea con la grotta dell’amore e la veduta dal mare di Tropea costruita a picco sulla scogliera. Trascorrere alcune ore in barca all’insegna dell’allegria e del divertimento in questo mare dalle 1000 sfumature renderà la vostra vacanza ancora più indimenticabile. Non potrete dire di aver visto davvero questi luoghi se non li avrete vissuti dal mare, il ricordo del bagno in queste acque meravigliose vi accompagnerà per tutto l’anno, nell’attesa di ritornare.

2) ISOLA BELLA DI TROPEA Non è precisata la sua origine, di certo si sa che in origine fosse rifugio dei Monaci Basiliani, in un secondo momento l’isola passa ai benedettini attraverso la cui opera si afferma la latinizzazione di Tropea; ancora oggi appartiene alla diocesi di Montecassino. Fino agli inizi del secolo XIX era direttamente collegata a Tropea da un cavalcavia. Nel corso dei secoli a causa dei danni provocati dai terremoti e dalle incursioni turche subisce diversi rifacimenti che ne modificano completamente l’aspetto originario, ove la sua forma bizantina a pianta centrale viene modificata con l’aggiunta di 3 piccole navate: Ancora nel secolo XIV ebbe modifiche in stile gotico con il rilievo di Cristo tra i Santi ed una pietra tombale di un monaco bizantino. La facciata è stata rifatta in seguito al terremoto del 1905 su disegno della diocesi di Montecassino, ma all’interno sono ancora evidenti i resi del primitivo tempio medioevale. Il 15 agosto nello specchio d’acqua antistante l’isola si tiene la processione in mare della Madonna di Romania.

3) LA CATTEDRALE DI TROPEA La Cattedrale venne edificata in torno al XII secolo ad opera dei Normanni, a sviluppo longitudinale ha 3 navate in stile romano, la struttura venne interamente costruita in conci di tufo giallo e pietra lavica. Durante il seicento l’edificio fu trasformato in stile barocco e allungato di 12 metri, subì molti danni a causa dei molti terremoti e fu restaurato numerose volte. All’interno è custodita l’icona della SS. Patrona di Tropea, la Vergine di Romania, opera di un allievo di Giotto databile attorno al 1230 e di provenienza orientale. Particolare interesse desta il maestoso Crocifisso Nero databile attorno al 1600 di provenienza francese. La Cattedrale sorge nel centro storico ed è raggiungibile percorrendo i numerosi vicoli che caratterizzano Tropea, affacciandosi dalla piazzetta della Cattedrale si può godere di un magnifico panorama sul Porto Turistico.

4) CORSO VITTORIO EMANUELE Il Corso è il cuore della Movida di Tropea, con i suoi numerosi negozietti di prodotti tipici e di artigianato locale, i bar, le gelaterie, gli artigiani del corallo e le boutique, fanno da richiamo a migliaia di turisti che animano questa via sia di giorno che di sera, alla ricerca del souvenir da portare a casa o semplicemente passeggiando gustando un ottimo gelato. I palazzi storici che affacciano sul Corso Vittorio Emanuele risalgono all’epoca del 700 e dell’ 800 e di grande interesse e bellezza sono i portali che rappresentano le antiche famiglie nobiliari. Percorrendo tutto il Corso si arriva alla “Balconata” un affaccio a strapiombo sul mare, da dove si può ammirare l’Isola Bella e la baia sottostante dalla sabbia bianca e dall’acqua cristallina color smeraldo. Molteplici sono le manifestazioni che ospita Corso Vittorio Emanuele, durante tutto il periodo estivo.

5) IL BELVEDERE DI CAPO VATICANO IL Promontorio di Capo Vaticano sorge a sud rispetto a Tropea, raggiunge un’altezza massima di 124 metri dal livello del mare ed è fatto di granito bianco, lungo i suoi pendii ripidi e rocciosi pochissima è la vegetazione che riesce a crescere, in particolare trova qui il suo habitat la felce gigante, e negli ultimi anni è stata scoperta una specie particolare di palma molto rara, la palma nana. Dal punto panoramico del Belvedere, proprio vicino al faro, si possono ammirare tutte le insenature e le calette sottostanti caratterizzate da una sabbia bianca e da un’acqua incredibilmente limpida, spesso guardando le barche ormeggiate si ha la sensazione che galleggino nel vuoto, e le incredibili sfumature del mare di certo non ci potranno lasciare indifferenti. Questa finestra aperta su di un angolo di paradiso ci regalerà emozioni forti che indelebili resteranno nel nostro cuore, all’orizzonte le Isole Eolie, alla nostra sinistra la Sicilia ed alla nostra destra il golfo di Sant’Eufemia.

6) TEATRO DI TORRE MARRANA Torre Marrana è un’antica torre di avvistamento Saracena del XIV sec. Che fa parte di un sistema d 7 torri utilizzate per il sistema difensivo dell’epoca. Oltre a questa altre 4 torri sono ancora visibili Torre Bali, Torre Ruffa, Torre Tuono e Torre di Capo Vaticano e si trovano tutte nel territorio di Ricadi. Torre Marrana che fa parte del complesso archeologico di Ricadi ha un’area adiacente perfettamente conservata sulla quale sorge l’anfiteatro Marrana, dove nel periodo estivo vengono organizzati diversi eventi di cui il più importante è il Magna Grecia Festival.

Guarda anche

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

© 2020 Sea Sports - Tutti i diritti sono riservati - Design WeBlasa.com