Sea Sports escursioni e noleggio nautico

Tropea – Capo Vaticano – Costa degli Dei

10 Cose da fare e vedere a Tropea

Ecco cose da fare e vedere a Tropea – Favorita dall’incantevole posizione sul mare, dalle bellezze paesaggistiche, dal vasto patrimonio storico culturale ricco di tradizioni, Tropea è una delle località turistiche più famose d’Italia.

Definita la Perla del Tirreno grazie al suo grande fascino e bellezza; da molti anni attrae viaggiatori provenienti da ogni parte del mondo incantati da questi luoghi meravigliosi e desiderosi di scoprire il territorio.

Girovagando fra i vicoli, i piccoli borghi, le tante insenature che celano baie e calette con scorci di mare incredibilmente belli ed ammirando i tramonti; si è sopraffatti e pervasi da un senso di stupore e meraviglia che difficilmente lascia indifferenti.

Non per altro, questo tratto di costa è conosciuto come la Costa degli Dei; natura selvaggia ed incontaminata, i profumi, i colori, i sapori, acque cristalline ricche di vita, spiagge di sabbia bianca, panorami mozzafiato, un’eccellente cucina locale e l’ospitalità Calabrese, fanno da cornice ad una vacanza che certamente vi resterà nel cuore e più volte vorrete ripetere.

Vi invito a leggere le 10 cose da fare e da vedere, suggerimenti utili che vi aiuteranno a vivere al meglio la vostra avventura; aprite la mente all’immaginazione e fatevi trasportare dall’emozione…

Un’avventura indimenticabile sta per cominciare…..

1) La Costa degli Dei in barca

La Costa degli Dei in barca Tropea e Capo VaticanoLa particolare morfologia del territorio fa si che le bellissime zone di mare, le spiagge, le baie e le calette si possono raggiunte quasi esclusivamente via mare.

Per tanto, il modo migliore per visitare la costa è un’escursione in barca in compagnia di una guida locale che sappia condurvi alla scoperta di quei luoghi meravigliosi e segreti che solitamente si vedono in fotografia. Numerose sono le insenature di sabbia bianca con l’acqua cristallina che invitano ad un bagno, muniti di maschera per scoprire i fondali o semplicemente farsi cullare dalle dolci e calde acque.

Grotte, cascate, resti di un antico porto Romano, il bagno nelle vasche naturali del Murenario, le scogliere di Capo Vaticano, la laguna di Grotticelle, l’isola Bella; sono solo alcune delle meravigliose esperienze che vi attendono, trascorrendo alcune ore in barca navigando in questo mare dalle mille sfumature.

2) Isola bella di Tropea

Isola bella di Tropea o Santa Maria dell'Isola di TropeaDi origine incerta, si pensa che tra il VII-VIII secolo il santuario fosse abitato da eremiti che si dedicavano ad una vita contemplativa e ascetica; le prime note certe risalgono a IX secolo in merito all’occupazione dell’Isola da parte di una comunità di monaci basiliani prima e Benedettini dopo, che ne fecero luogo di dimora e culto.

In seguito ai terremoti del 1783 e del 1905, rimase ben poco della struttura originaria e l’attuale chiesa ricostruita dopo il 1910 è oggi uno dei luoghi simbolo della Calabria nel mondo. Percorrendo l’antica scalinata scavata nella roccia, si sale alla chiesa e dalla chiesa si accede al giardino botanico con numerose specie di piante mediterranee.

Il panorama che si gode da quassù è meraviglioso, da un lato la bellissima città di Tropea, dall’altro una stupenda vista sul mare e all’orizzonte le isole Eolie. Molte leggende sono legate all’isola, la più nota è quella della statua della Vergine che giunse a Tropea dall’Oriente. Il popolo scese in spiaggia, insieme al vescovo e al sindaco per festeggiarne l’arrivo.

I due di comune accordo decisero di installare la statua della Madonna all’interno di una nicchia, in una grotta naturale nella rupe. La statua però era troppo grande, così fu chiamato un falegname affinché risolvesse il problema, segando le gambe della Madonna. Non appena appoggiò la sega sulla statua, rimase paralizzato alle braccia ed il sindaco e il vescovo morirono all’istante.

Nei giorni a seguire la Madonna iniziò a graziare il popolo, compiendo miracoli per gli ammalati; rituale, che fino ad alcuni decenni fa veniva regolarmente eseguito dai devoti. Il 15 Agosto, nello specchio d’acqua antistante l’isola, si tiene in mare, la processione della Madonna di Romania.

3) La Cattedrale di Tropea

La Cattedrale di Tropea nel cuore del centro storicoVenne edificata in torno al XII secolo ad opera dei Normanni, a sviluppo longitudinale ha 3 navate in stile romano; la struttura fu interamente costruita in conci di tufo giallo e pietra lavica.

Durante il seicento l’edificio fu trasformato in stile barocco e allungato di 12 metri, nel corso dei secoli subì molti danni a causa dei molti terremoti e fu restaurata numerose volte. All’interno è custodita l’icona della SS. Patrona di Tropea, la Vergine di Romania, opera di un allievo di Giotto databile attorno al 1230 e di provenienza orientale. Particolare interesse desta il maestoso Crocifisso Nero di provenienza francese, datato in torno al 1600.

La Cattedrale sorge nel centro storico di Tropea e si raggiunge percorrendo il corso principale; una visita al suo interno vale davvero la pena, in oltre affacciandosi dalla piazzetta adiacente la Cattedrale, si gode un meraviglioso panorama sulle colline circostanti e sul porto Turistico.

4) Corso Vittorio Emanuele

Corso Vittorio Emanuele di TropeaE’ il cuore della movida tropeana, i numerosi ristoranti di cucina locale, i negozi di prodotti tipici e di artigianato, i bar, le gelaterie, le botteghe del corallo e le boutique alla moda fanno da richiamo a migliaia di turisti che di giorno e di sera animano la via principale ed i tanti caratteristici vicoli.

Numerosi palazzi storici si affacciano su Corso Vittorio Emanuele risalenti al 700 ed all’800; di grande interesse e bellezza sono gli antichi portoni, stile e decori rappresento le famiglie nobiliari di Tropea. Percorrendo tutto il Corso, si arriva alla “Balconata” un suggestivo affaccio a strapiombo sul mare con una vista mozzafiato; da un lato l’isola Bella, sotto la spiaggia Mare Piccolo di sabbia bianca bagnata da un mare limpido e turchese ed all’orizzonte le isole Eolie.

Durante tutta la stagione estiva, numerose sono le manifestazioni che ospita Corso Vittorio Emanuele; per citarne solo alcune: Tropea cipolla party, Tropea blues festival. Info: Pro Loco Tropea

5) Tropea Cipolla Party

Tropea Cipolla PartyPer festeggiare la “Rossa di Tropea” è alla sua seconda edizione il Tropea Cipolla Party, un festival enogastronomico ricco di eventi, che si tiene dal 22 al 24 Maggio, le piazzette ed i vicoli diventano teatro dell’evento con l’installazione di stand gastronomici che preparano piatti a base della Rossa; antiche ricette della tradizione e piatti innovativi proposti dai più grandi Chef.

Non mancano gare di cucina, degustazioni di prodotti e vini locali, musica, intrattenimento e giochi. Tre giorni di festa per rendere omaggio alla Cipolla ed al suo territorio; un appuntamento da non perdere.

Cenni: La cipolla rossa IGP trova la sua massima diffusione nelle campagne del territorio tra Tropea e Ricadi, viene classificata a seconda della forma, la tonda e la lunga. La cipolla rossa è apprezzata in tutto il mondo per le sue caratteristiche organolettiche legate alla sua dolcezza e per le sue rinomate proprietà terapeutiche e depurative. Studi dimostrano che le sostanze contenute nella cipolla rossa abbassano notevolmente il rischio di cancro al fegato, al colon, alla laringe ed alle ovaie.

L’elevato contenuto di flavonoidi, sali minerali e fenoli, in combinazione con altri minerali depurativi quali il potassio ed il ferro contenuti nelle cipolle, ne favoriscono l’effetto benefico. Info: www.tropeacipollaparty.com

6) Escursione alle Isole Eolie

Escursione alle Isole Eolie - Stromboli e PanareaTropea si trova a sole 30 miglia dalle bellissime isole Eolie, 7 isole di origine vulcanica molto belle e diverse tra loro; Stromboli, Panarea, Salina, Lipari, Vulcano, Alicudi e Filicudi; dal porto di Tropea si raggiungono in barca per una gita giornaliera.

Stromboli vulcano attivo, molto suggestivo per le continue esplosioni e la possibilità possibile vedere la sciara di fuoco. Panarea piccola perla, affascina per l’ambiente raffinato delle abitazioni, dei ristoranti e delle boutique di lusso; meravigliosa è la baia di Cala Junco. Lipari è la più grande e la più commerciale, bellissime sono le cave di pietra pomice. Salina resa celebre dal film il Postino; assolutamente da vedere la baia di Pollara, Vulcano rinomata per il caratteristico odore di zolfo e per li bagni nelle pozze di fango caldo. Alicudi e Filicudi sono le 2 isole più selvagge ed incontaminate ma sono anche le più lontane e fuori dalle rotte giornaliere.

Dal porto di Tropea partono tutti i giorni numerose imbarcazioni che portano a fare il giro delle isole; piccole imbarcazioni veloci per tour privati che in circa 1 ora raggiungono le isole ed offrono tour personalizzati con rotta e durata concordata con il cliente e le grandi motonavi con a bordo 200/250 persone, che raggiungono le isole in poco più di 2 ore; con rotte ed itinerari prestabiliti.

7) La cucina calabrese

La cucina calabrese - sagre in CalabriaAl contrario di quanto si possa pensare visto che ci troviamo in zona di mare; la cucina tipica calabrese propone piatti legati alle antiche tradizioni agricole e pastorizie tutt’oggi ancora ben radicate, dando origini ad una cucina che utilizzando alimenti poveri riesce a realizzare eccellenti piatti dai sapori antichi e genuini che danno piacere al palato ed alla mente.

Gli antipasti: una ricca varietà di salumi, il capicolo, la sopressata e l’nduja (impasto di carne e grasso di maiale con tanto peperoncino), formaggi freschi e stagionati di mucca e capra, sottoli, marmellate e composte da accompagnare ai formaggi (famosissima è quella di cipolla), le vraciole di carne e patate, le frittelle di fiori di zucca, la frittata di cipolla e di asparago selvatico.

I primi piatti: le tradizionali paste fatte in casa come i maccaruni al ferretto, meglio conosciuti come fileja, fatti con farina di grano duro ed acqua; conditi come da tradizione con sugo di pomodoro e carne di maiale o con nduja o meglio ancora con fagioli cotti nella pignatta nel fuoco.

I secondi piatti: melanzane alla parmigiana, grigliata mista di carne, involtini di carne al sugo, pipi e patate fritti, verdure grigliate, trippa, broccoli con salsiccia, melanzane e peperoni ripieni di carne; il tutto accompagnato da un buon vino locale rosso o bianco e dal pane fatto in casa cotto nel forno a legna.

Dulcis in fundo: degni di nota sono i dolci calabresi, che non mancano mai a fine pasto. I pasticcini alle mandorle o al pistacchio, i mostazzoli, le nacatole, la pignolata, le zeppole, i fichi secchi infornati, dolci al miele, la brioches con il gelato, le sussumelle, taralli allo zucchero, le deliziose granite alla mandorla, limone, caffè, il tradizionale tartufo gelato e tutti quei dolci legati alle festività.

Girando tra i vicoli di Tropea e nei dintorni, troverete molti ristoranti che propongono piatti della tradizione calabrese e vi suggeriamo in oltre, di partecipare alle tante sagre che si svolgono nel periodo estivo, per vivere l’atmosfera delle feste popolari ed assaggiare i piatti della tradizione. Info sagre ed eventi in Calabria.

8) Bel vedere di Capo Vaticano

Bel vedere di Capo VaticanoPromontorio di Capo Vaticano si trova a sud di Tropea; raggiunge un’altezza di 124 metri dal livello del mare ed è di roccia granitica bianca e sui ripidi pendii rocciosi cresce rigogliosa la tipica vegetazione della macchia mediterranea.

Il fico d’india dai frutti succosi e profumati, la bellissima e rara felce gigante e la palma nana. Il punto più panoramico è l’affaccio del Belvedere situato vicino al faro; da qui è possibile ammirare le tante insenature e le piccole spiagge di sabbia bianca bagnate dall’acqua color turchese.

Il mare è limpidissimo e pieno di vita, il profumo della salsedine si mescola con quello della vegetazione, le barche ormeggiate sembrano sospese nel vuoto, all’orizzonte le isole Eolie; un paesaggio meraviglioso che regala emozioni intense.

9) Torre Marrana e il teatro

Torre Marrana e il teatroE’ un’antica torre costruita nel XVI secolo, facente parte di un sistema difensivo e d’avvistamento che serviva a controllare la costa al fine di segnalare l’arrivo della navi Saracene che venivano a conquistare e saccheggiare.

Il sistema difensivo contava ben 7 torri, tutte collocate sulla costa e comunicavano tra loro con segnali di fumo. Torre Marrana è una di quelle meglio conservate insieme a Torre Bali, Torre Ruffa, Torre Tuono e Torre di Capo Vaticano; tutte collocate nel territorio del comune di Ricadi. Torre Marrana fa parte del complesso archeologico di Ricadi e nella stessa area si trova anche l’anfiteatro dove nel periodo estivo vanno in scena numerose rappresentazioni teatrali; il teatro fa parte del circuito Magna Grecia Teatro Festival Calabria.

9) Dove dormire

Dove dormire a Tropea e Capo Vaticano in CalabriaAmpia è l’offerta di posti letto nel territorio di Tropea e Capo Vaticano che offre soluzioni abitative atte a soddisfare le differenti richieste dei tantissimi viaggiatoti provenienti dall’Italia e da ogni parte del mondo.

Appartamenti estivi, abitazioni rurali, b&b, agriturismo, alberghi, villaggi turistici, residenze e Resort di lusso con spa e centro benessere; strutture che si affacciano direttamente sul mare, o ubicate nel centro storico in antichi palazzi nobiliari sapientemente ristrutturati e ancora, residenze in campagna che soddisfano le richieste di tutti quei viaggiatori che desiderano vivere una vacanza più a contatto con la natura.

Un’offerta abitativa per una lunga stagione turistica, che va da Aprile a Novembre e che coniuga in maniera eccellente un vacanza di sole, mare, buon cibo, antiche tradizioni e scoperta del territorio.

Guarda anche

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

© 2020 Sea Sports - Tutti i diritti sono riservati - Design WeBlasa.com